Lazio Eventi
Prendi nota!

I migliori consigli per allestire un mercatino

Quando si allestisce una bancarella al mercatino bisogna puntare tutto sull’estetica e sull’attrazione. Sono moltissime, del resto, oggi, le persone che, della loro passione, provano a fare un piccolo business, lanciandosi in questo mondo di vendite coi loro stand dedicati. Il mondo dei mercatini si presenta variegato e ricco di particolari di cui tener conto.

Come detto, infatti, quando si vuole fare successo in questo settore bisogna puntare su un aspetto accattivante, oltre che su un prodotto interessante. Ricordiamo, del resto, che in un mercatino avremo a che fare con diversi colleghi e concorrenti che si troveranno praticamente attaccati a noi. Distinguersi, dunque, diventa la chiave per il successo del proprio business.

Alla luce di questi presupposti, si capisce come, non solo ciò che vendiamo, ma anche dove lo esponiamo abbia un’importanza fondamentale. Se si vuole avviare un percorso in questo settore, dunque, è consigliabile rivolgersi a realtà esperte che creino gazebo per mercatini personalizzati su misura delle esigenze del cliente. In questa guida, invece, forniremo alcuni consigli pratici per allestire un mercatino al meglio.

Come curare i prodotti

La prima cosa da considerare quando si vuole esporre i propri prodotti ad un mercatino è la cura del packaging. Le confezioni che custodiranno gli articoli che vendiamo, infatti, dovranno essere belle, accompagnate da un bigliettino da visita, stampato, o ancora meglio, fatto a mano e con un pizzico di originalità, in modo da rendere la propria attività ed il proprio nome immediatamente ricordabili. Glitter, nastrini e colori sono un valore aggiunto che, sicuramente, contribuirà a catturare l’attenzione dei potenziali acquirenti.

Un altro consiglio particolarmente efficace riguardante la cura del packaging riguarda la produzione di confezioni e scatoline da regalo, oppure a tema festa, quando si partecipa a mercatini di Natale o Pasqua o se si è prossimi a celebrazioni come San Valentino, la Festa della Mamma o del Papà o, ancora, Halloween. In ogni caso, le decorazioni non dovranno scendere a compromessi con il fine ultimo del packaging, ossia la protezione dell’oggetto.

Attenzione agli allestimenti

Una volta curati i packaging dei singoli prodotti, bisognerà organizzare l’intera esposizione. La presentazione è fondamentale quando si vuole vendere qualcosa, a prescindere dalla sua natura. In un mercatino, poi, le cose piccole e preziose vanno rese appariscenti, in modo da saltare subito agli occhi dei passanti. Bisognerà osservare il proprio stand più volte per capire quali punti andranno portati maggiormente all’attenzione del cliente.

Inoltre, è meglio non sovraccaricare la struttura, mettendo a rischio la visibilità di ogni prodotto. Piuttosto che mostrare troppi articoli in vendita, creando disordine e sgradevoli contrapposizioni, si consiglia di disporre gli elementi essenziali in maniera ordinata. Sarebbe opportuno optare per uno stand dalla base colorata, in grado di creare giochi di luce coi vari teli, portando l’attenzione in maniera dinamica sui vari prodotti esposti.

Come farsi notare

Ovviamente, tutti questi accorgimenti coadiuveranno nel farvi notare dalla clientela, ma un gazebo ben curato, pulito e di chiara esposizione spinge molte più persone ad avvicinarvisi. Magari, creare dei cartelli con scritte e grafiche accattivanti potrebbe essere un buon modo per incuriosire quanti più potenziali clienti è possibile. Inoltre, bisognerà mettere in evidenza i punti di forza della propria attività ed i benefici dei prodotti proposti, al fine di convincere ulteriormente la clientela.

Capire cosa vogliono i clienti e spingerli ad acquistare attraverso iniziative divertenti come giochi ed esperienze diverse dalla regolare vendita potrebbe essere un modo alternativo per spingere le persone a comprare. Insomma, il segreto è farsi notare il più possibile, per questo si consiglia di utilizzare anche luci e colori per il gazebo che colpiscano la gente in modo positivo.