6.9 C
Roma
15 dicembre 2018
Image default
Eventi Passati

PassaggioaLimosa – La nuova stagione 2013 | 2014

“Un luogo esiste perché esistono le persone. Per Limosa, la sua rassegna dell’Arca e quel che accade nel piccolo magico teatro che guarda i monti Aurunci, il luogo esiste perché alle persone si aggiungono gli artisti. Le compagnie che danno vita a questa grande esperienza, sono quelle che abbiamo incontrato negli anni e alle quali ci siamo legati per l’alto valore umano e artistico, insieme ad altre, giovani e meno note, che possiedono le stesse qualità, in quell’alchimia tra passione e talento che tanto cerchiamo.

Ogni anno l’Arca regala al panorama teatrale italiano nuove proposte di cui siamo orgogliosi. L’Arca in Collina è di fatto l’esempio di come l’artigianato di realtà piccole del teatro, possa dare buonissimi frutti, la dimostrazione di ciò che si può fare in un periodo così difficile per la cultura in Italia. Secondo molti, qui si compie un piccolo miracolo; secondo noi che ai miracoli ci crediamo poco, l’Arca è semplicemente il risultato del lavoro di una vita.

Questo progetto nato tredici anni fa è un figlio voluto; cresciuto grazie all’entusiasmo di un gruppo di persone, rendendo onore alla storia dell’associazione hormiai, dove il valore della persona è sempre stato uguale a quello dell’artista. Avevamo un sogno che poteva appartenere a molti ed oggi possiamo dire che abbiamo fatto bene a credere in questo sogno.

L’Arca e limosa vivono della loro impossibilità. Non vedono quel che gli è stato imposto di vedere, non piegano l’ascolto all’usuale, non assicurano il già noto, non sono affamati di potere: sfiorano, bisbigliano, rammentano… Inutile negarlo: questa stagione, è stata davvero difficile da programmare nella totale mancanza di risorse economiche. Vedrete forse qualche spettacolo in meno, ma anche -e in più- nuove idee e proposte, a cominciare dal progetto speciale ecomuseo. Forse, è solo l’inizio di un nuovo percorso che vedrà Limosa il ‘luogo particolare’ dell’incontro e dello scambio, dello stare insieme in altri modi, un vero teatro-laboratorio…
In questo nostro tempo, il tutto è ridotto a parole svuotate di senso: parole come crisi, tagli alla cultura, non sono altro che limite, negazione umana, incapacità colpevole di darsi un’altra possibilità per se stessi e per gli altri.
L’Arca e limosa dimostrano che tra impossibile e possibile, utopia e realtà, c’è un ponte, in qualche modo, attraversabile… (enrico forte)

Molte le novità della stagione che si apre. Ad ottobre, il mantello di martino, l’estate in musica di limosa: il tradizionale appuntamento con la musica popolare ed il canto di Eleonora Bordonaro in Fimmini Fimmini; con tracce d’argilla, a novembre, limosa propone la nuova produzione ‘Covello dei Borboni’ di e con Agnese d’Apuzzo; e poi un Natale davvero particolare con la ‘Tombola cantata’ in transit-o con Enzo Carro. L’angelo di Benjamin propone a gennaio l’immancabile appuntamento con la danza-in-video di Sylvie Guillem (Invité spécial Marica Zannettino in assoli di danza) mentre a febbraio, il cielo in una stanza, presenta l’appuntamento con il cinema dei giovani emergenti: ospite, Emanuele Gaetano Forte. Novità assoluta a marzo, con la polvere del tempo: primo esperimento di limosa con il teatro da camera e un omaggio ai cento anni dalla pubblicazione di ‘Gente di Dublino’ di James Joyce. Aprile si apre con fotoLAB: la mostra fotografica e multimediale di Franco de Luca e Tety Feshak che documenta il laboratorio ‘Antigone non vuole morire’. Gran finale a maggio, con la riproposta dell’inedito e affascinante ecomuseo dell’amore: attraversamenti del paesaggio tra nature e culture che vedrà la presenza di oltre cinquanta artisti, tra danzatori, attori, musicisti e artisti visivi. Da novembre, Limosa ospiterà due eventi particolari: l’ installazione ambientale di Carlo de Meo e la cena sensoriale di Monica Penitenti. Infine, da novembre ad aprile, i castellinaria dei tradizionali appuntamenti con i ragazzi delle scuole superiori ed il laboratoriod’inverno a limosa.

La rassegna è realizzata in collaborazione con: Regione Lazio, Parco Monti Aurunci, Provincia di Latina, Comunità montane XVII ‘monti aurunci’, XIX ‘l’arco degli aurunci’, i comuni di Spigno Saturnia, Coreno Ausonio, Ausonia, Formia.
Per informazioni e prenotazioni: 339.3679869 – 329.1641423. Abbonamento €. 50,00, biglietto unico €.10,00, ridotto €.8,00.

Il programma completo della stagione è su: www.limosateatro.tk.