6.8 C
Roma
21 Gennaio 2019
Image default
Musica, Spettacoli e Danza

Astuzie di Covello

Latina, 10 febbraio 2013

La rassegna Scenari presenta

ASTUZIE DI COVELLO

Regia Francesco Gigliotti

Con Agnese Chiara D’apuzzo, Francesco D’Atena, Maria Elena Lazzarotto e Zahira Silvestri

Le maschere della Commedia dell’Arte: Zanni, Vecchi, Capitani e Innamorate festeggeranno insieme a mamme papà e bambini il Carnevale, all’interno dello spazio teatrale in Via dei Cappuccini, 76, 04100 Latina

La raccolta degli Scenari di D. Annibale Sersale Conte di Casamarciano, dopo le parabole e le visioni del ‘900 sulla Commedia dell’Arte, si offre come esempio raro di tecnica attoriale nella tradizione e nel recupero delle nostre maschere, con particolare riferimento a quelle di influenza napoletana.

L’arte di recitare all’improvviso è segreto custodito in ogni scenario. Solo la paziente abilità di attori allenati può tentarne la rappresentazione, attraverso la propria tecnica, il codice espressivo e la maschera di cuoio.

Il metodo di lavoro che l’attore contemporaneo persegue nell’interpretazione degli Scenari è fondamentale. Occorre allenare bene il corpo attraverso la ricerca di un’energia di base capace di sostenere l’intera struttura fisica della maschera, la ritmica, la figura plastica in postura e, soprattutto, l’abilità di non rendere prevedibile la dinamica e la pausa.

Sono questi alcuni elementi comuni all’arte dell’attore nelle culture teatrali del grande artificio della scena che hanno reso celebre nel mondo la Commedia dell’Arte italiana.

Ma ecco che la reinvenzione di una tradizione, a volte, può disgelare sorprese: lo Scenario si rivela come uno scrigno in cui sono custodite antiche ricette che sfidano il tempo. Può affiorare l’ancestrale custodito alle origini della Farsa, l’incanto semplice della favola popolare, la tragicità lieve delle maschere.

In Astuzie di Covello, tutto è essenziale: le trovate esilaranti, i lazzi, gli intrecci improvvisi ed imprevisti. Nato come modello di equilibrio fra i canovacci brevi del ‘600 napoletano, si offre all’invenzione contemporanea di spettacolo, dove le scene diventano situazioni in un crescendo discontinuo e serrato.

Ingresso 10 Euro

 


Data: il 10 febbraio 2013
Orario: 18:00 - 19:30
Città: Latina
Luogo: Teatro Opera Prima
Organizzatore:
Contatto:
Telefono: 3332476762 / 3477179808 / 3473863742
Indirizzo: Via dei Cappuccini, 76
eMail: operaprimalt@libero.it
Web: www.operaprimalt.it