19 Settembre 2020
Musica, Spettacoli e Danza

Concerto Jazz FRANCESCO NASTRO e JAVIER GIROTTO in “PASSIONE”

FORMIA, 13 Marzo 2016

Alhambra Birrjazz

domenica 13 marzo 2016 ore 20,30

presenta

NASTRO GIROTTO DUO

Francesco Nastro – pianoforte

Javier Girotto – sassofoni

Secondo appuntamento dedicato al pianoforte e sassofono, Francesco Nastro pianista eccezionale napoletano nel progetto che lo vede al fianco del sassofonista argentino Javier Girotto.

I due musicisti, Javier Girotto e Francesco Nastro, si uniscono in questo progetto per indagare le tantissime contaminazioni che il jazz possiede e in modo particolare sono attratti da quegli aspetti musicali che danno ampio spazio alla composizione e agli arrangiamenti con strutture complesse ed articolate. Qui troviamo echi di musica classica, rock sinfonico, jazz nei sui molteplici generi. Ma la musica che ne scaturisce e’ in ogni caso molto fluida grazie alle caratteristiche e alle capacita’ degli esecutori che di contro all’architettura complessa di un brano rispondono con una naturalezza di esecuzione che a volte lascia completo spazio all’estro del momento, regalando al pubblico in sala quelle emozioni uniche di un’improvvisazione live.
Il repertorio e’ composto principalmente da brani originali spesso di ampio respiro, ma e’ anche arricchito da melodie della tradizione napoletana e latina.
A giugno 2012 è uscito il loro primo lavoro discografico “PASSIONE” per l’etichetta Cam Jazz.

FRANCESCO NASTRO

Nato a Castellammare di Stabia (NA) il 5 Sett. ’67, si e’ diplomato in pianoforte nel 1989 ed ha conseguito il compimento inferiore di composizione nel 1991 presso il conservatorio di Salerno. Ha seguito un corso di perfezionamento con il maestro Adrian Costantin Baciu (musica classica) nel 1987.
Si interessa di jazz gia’ dal 1985.Nel 1993 ha partecipato al concorso internazionale “Citta di Stresa” nella categoria “improvvisazione jazz”, vincendo il primo premio “Clara Barberis” .
Tra il 1991 ed il 1993 ha collaborato con il maestro Bruno Tommaso all’attivita’ dell’ orchestra Utopia partecipando ad importanti festivals e rassegne (Roccella Jonica, Berchidda, Taranto, Campobasso) ed incidendo anche un cd live all’Europa jazz festival di Noci, con ospiti quali Gianluigi Trovesi, Paolo Fresu, Evan Parker.
Ha frequentato a Bologna un seminario su John Coltrane curato dal maestro Dave Liebman con il quale ha poi tenuto due concerti uno a Bologna e l’altro a Cremona.
Nel 1996 con il “ F. Nastro a tempi alterni quintet” ha partecipato ai festivals di Como, Pomigliano, Teano, Ariano Irpino, riscontrando un buon successo di pubblico e di critica.
Ha registrato a Napoli con GARY PEACOCK (bass) e PETER ERSKINE (drums ) un disco dal titolo “TRIO DIALOGUES” in cui sono contenute composizioni sia di Nastro che di Peacock ed Erskine.
Maggio 1997 ha registrato un disco con il gruppo “Francesco Nastro a tempi alterni quintet” ed ha girato vari festivals per promuovere il disco fra cui Pomigliano, Fano jazz, Pisa , Sessa,Como,Roccella Jonica, ecc.
Nel ’98 registra un disco con il chitarrista casertano Pietro Condorelli (vincitore del top jazz di musica jazz) e con il quale gira vari festival.
Suona invece col suo gruppo ospitando di volta in volta musicisti come Lester Bowie, Don Moye, Marvin Stamm, Bruce Forman, Maurizio Giammarco, Roberto Gatto, Furio Di Castri ecc. e partecipa come ospite nei gruppi di Don Moye, Steve Smith.
Sempre nel ’98 prepara al Festival di Pomigliano una serata dedicata alla musica di Gershwin alla quale partecipano anche nomi quali Peggie Stern,
Enrico Pieranunzi, Don Moye, ed altri, e viene invitato anche l’anno successivo per comporre un’opera in cui si incontrano due culture: una quella jazzistica e l’altra invece quella tradizionale della tammurriata.
Dirige un’orchestra formata dal trio di Francesco Nastro + Art Ensemble of Chicago + i Zezi + vari ospiti come Mariapia De Vito , Antonello Salis.

JAVIER GIROTTO

Saxes soprano-baritono-flute-bass clarinet-quenas-sicus-composer-arrangement

Javier Edgardo Girotto nasce a Cordoba il 17 aprile del 1965. Si avvicina alla musica grazie al nonno materno A.L.Caroli, direttore di banda, suonando prima il rullante, poi il clarinetto piccolo in Mi bemolle, nella Infanto Juvenil de Cordoba e nella banda di Villa del Rosario, per poi passare a quello in Si bemolle. Il passaggio, per un clarinettista, al saxofono è naturale.
Scelto il sax contralto, comincia a frequentare Buenos Aires, in cerca di qualcuno che lo avvii al jazz, purtroppo senza fortuna. Rientrato a Cordoba forma i suoi primi gruppi di ispirazione jazzistica, dedicandosi anche alla musica commerciale dei cosiddetti “Quartetos”. A sedici anni intraprende gli studi classici, iscrivendosi al Conservatorio Provincial De Cordoba e non esistendo la cattedra di saxophono, si iscrive ai corsi di clarinetto e flauto raggiungendo il compimento medio in entrambi gli strumenti.
Parallelamente agli studi in conservatorio forma e collabora con diversi gruppi, tra cui i Vertiente, un mix di fusion e folklore argentino, i Jazz 440, “Jam”, l’Enzo Piccioni Quartet e il Juan Ciallella Quartet. A 19 anni vince una borsa di studio del Berklee College of Music e gli si spalancano finalmente le porte del mondo del jazz. Resta nella prestigiosa scuola bostoniana per quattro anni, diplomandosi in Professional Music “Cum Magna Laude”.
I quattro anni statunitensi sono proficui, un periodo in cui ha approfondito gli studi di composizione e arrangiamento e di sax e improvvisazione con maestri del calibro di Joseph Viola, George Garzone, Hall Crook e Jerry Bergonzi, imparando poi, “il mestiere”, suonando con Danilo Perez, George Garzone, Hall Crook, Bob Moses, Herb Pomeroy e tanti altri musicisti da cui ha raccolto una scintilla della loro esperienza
L’avventura italiana di Javier Girotto inizia a 25 anni, per curare alcuni affari della sua famiglia, di origini pugliesi, decidendo in breve tempo, di iniziare in questa nazione la sua carriera professionale.
Anche in Italia alterna la collaborazione con gruppi di musica commerciale, latina, con la formazione di diversi gruppi jazz, con cui comincia la sua indefessa attività di compositore e arrangiatore. La sua prima formazione romana è “Tercer Mundo”, insieme ad Horacio “El Negro” Hernandez, sui binari del latin jazz, un sestetto formato da piano, basso, percussioni, batteria, tromba e sax.
In questo stesso periodo nasce il gruppo per il quale i sax soprano e baritono di Girotto sono maggiormente conosciuti, Aires Tango, con Alessandro Gwis al pianoforte, Marco Siniscalco al basso e Michele Rabbia alla batteria e percussioni, in un connubio delle ragioni del tango con quelle del jazz che, partendo dal piacere legato all’ascolto degli stilemi della musica argentina, rassicura l’ascoltatore nell’affrontare le “rapide” della “diversità” dei suoi soli.
Con Aires Tango incide ben 7 dischi, gemme di un percorso in cui Girotto è stato accompagnato sempre dal plauso incondizionato del pubblico, che lo ha incoraggiato ad “aprire” il progetto alla voce di Peppe Servillo e all’orchestra sinfonica.
Nel 1999 nasce un altro gruppo, “Cordoba Reunion”, formato da quattro musicisti cordobesi, Javier Girotto ai sax e flauti, Gerardo Di Giusto al pianoforte, Minino Garay alle percussioni e Carlos El Tero Buschini al basso, impegnati in un progetto con il quale ritorna alle radici della sua musica, con un occhio a quei tempi che hanno preceduto il tango, trascinando l’ascoltatore in un viaggio empatico ed emozionale alla ricerca dei ritmi di milonga, chacarera, zamba e candombe, gruppo, questo che ha inciso un disco con la cantante Mercedes Sosa.
Nel 2000 Javier Girotto forma un doppio duo: il primo con il bandoneon di Daniele Di Bonaventura, col quale incide tre dischi: “Javier Girotto Plays Rava”, “Recordando Piazzolla”e “Recordando Gardel” con un’orchestra di 13 archi; Il secondo Duo con Luciano Biondini (accordion) con il quale incide 2 C.D. con tutte composizioni originali, ma tornando un’altra volta alla improvvisazione più libera.
In questo stesso anno inizia la sua collaborazione con la prestigiosa ONJ, l’Orchestre National du Jazz di Parigi.Tra le formazioni di Javier Girotto è l’elegante duo formato con il pianista argentino Natalio Mangalavite, con il quale ha inciso Colibrì, un cd che rappresenta la sintesi dell’intero sentire sudamericano, al quale da poco si è aggiunta la voce di Peppe Servillo, andando, così, a creare il Trio G.S.M.
Nel 2002 entra a far parte dell quartetto di Enrico Rava “Piano less” con cui incide un c.d. “Full of Life” assieme a Ares Tavolazzi e Fabrizio Sferra.Successivamente forma e registra il primo disco “Nauhel”.
2006 Forma insieme al Paolo Silvestri Ensamble e Luciano Biondini quello che sarebbe la continuazione del disco “Anniversario” fatto con Aires Tango e l’orchestra sinfonica di Sofia ,registrando il primo albun per la Giotto Music Nel frattempo con la PMJO (Parco della Musica Jazz Orchestra – Auditorium di Roma), registra il disco “Argentina :Escenas en Big Band” con composizioni originali di Girotto, arrangiati da Luigi Giannatempo; nell’ dicembre ’08 viene invitato dalla Jazz Orchestra of the Concertgebouw di Amsterdam per una tournée in tutta Olanda presentando questo progetto de big band.
Nell’ novembre 2008 presenta insieme a Paolo Silvestri il “Concerto Latino” per orchestra sinfonica e sax soprano composto da Silvestri per Girotto e in aggiunta composizioni dello stesso Girotto, con la orchestra sinfonica di San Marino; progetto che si vedrà riproposto con tutte le migliore orchestre sinfoniche europee.
Sempre nel 2008 forma insieme a Fabrizio Bosso il “Latin Quintet” documentando questo progetto nel disco “Tribute” e registrando per la Blue Note nello stesso anno Un altro progetto è quello di aver elaborato un repertorio originale per quartetto di sassofoni insieme al Atem Saxophon Quartet solista, compositore e arrangiatore lo stesso Girotto, documentando questo lavoro nel disco “SUIX”
Attualmente è insegnante nella cattedra jazz del Conservatorio Santa Cecilia di Roma.

 

info e prenotazioni www.birrjazz.it tel.0771737163

INFORMAZIONI:

Data: 13 Marzo 2016
Orario: 21:30 - 22:15
Città: FORMIA
Luogo: ALHAMBRA BIRRJAZZ
Organizzatore: ROSATO GIUSEPPE
Contatto: ROSATO GIUSEPPE
Telefono: 3358255710
Indirizzo: Piazza San Rocco snc
eMail: [email protected]
Web: www.alhambra.it