20.4 C
Roma
21 Marzo 2019
Image default
Varie

Formia dice NO alla Mafia

Formia, 23 maggio 2013

Con l’inizio della novena di S. Erasmo cominciano i festeggiamenti per la ricorrenza del Santo Patrono nell’antica cattedrale della città e si aprono oggi con l’esposizione del Gonfalone del Martire nella piazza omonima.

Ma la data del 23 maggio coincide significativamente con la strage di Capaci in cui persero la vita per mano della mafia, ventuno anni fa, il giudice Falcone, Francesca Morvillo e la loro scorta, che irrorarono col sangue la loro scelta, decisa e senza remore, a favore della legalità. Confermando la scelta del precedente anno in cui la Parrocchia ed il neonato Presidio di Libera vollero unire nel ricordo il Santo Martire con i nuovi martiri dei giorni nostri e li celebrarono con un concerto sul sagrato della chiesa, anche oggi, dopo il sacro rito della santa messa, si terrà un incontro sulla legalità: “FORMIA DICE NO ALLA MAFIA”, organizzato dalla comunità parrocchiale, con la collaborazione del Comitato e del Presidio di Libera.

Alle ore 21,00, nello scenario suggestivo del lastricato in pietra della chiesa di S. Erasmo, il parroco Don Alfredo Micalusi introdurrà la manifestazione che si aprirà con un video dedicato alla figura di Don Peppe Diana, parroco di Casal di Principe, ucciso dalla camorra il 19 marzo del 1994, che alla domanda “chi è don Peppe?” rispose senza esitazioni “Don Peppe sono io” presentandosi volontariamente al suo martirio per mano di un sicario nella sacrestia della chiesa.
L’incontro proseguirà confrontandosi con le testimonianze di una persona che ha conosciuto bene il martire, del quale ci si augura presto l’apertura di una causa di beatificazione – analogamente a quanto accaduto a Don Pino Puglisi che sarà beatificato il 25 maggio a Palermo – e registrerà gli interventi di Fabrizio Marras e Gabriella Stramaccioni, rispettivamente coordinatore probvinciale ed ex presidente dell’Associazione Libera, e si chiuderà con Simmaco Perillo, responsabile della Cooperativa “Al di là dei sogni” che parlerà della sua esperienza vincente con il suo gruppo di ex pazienti psichiatrici, grazie ai budget di salute, e dello straordinario successo dei “Pacchi alla camorra”, pacchi regalo confezionati con prodotti provenienti dai beni confiscati alle mafie e riutilizzati da associazioni con finalità sociali (http://www.ncocommercio.com/content/4-chi-siamo ).

Modererà l’incontro Annibale Mansillo del Presidio di  Libera Formia, che sta portando a termine con successo la campagna per le prossime amministrative “Riparte il futuro a Formia”, cinque impegni per la legalità che sono stati sinora sottoscritti da tre candidati a sindaco e da undici candidati alla carica di consiglieri.
Al termine dell’iniziativa, ci sarà una degustazione dei prodotti di Libera Terra che permetterà di conoscere ed apprezzare il lavoro di imprese che, a loro volta, hanno detto un secco no alle mafie, senza ripensamenti e senza timore, e proseguono la loro lotta creando posti di lavoro in territori dove solo la criminalità organizzata crea occupazione.


Data: il 23 maggio 2013
Orario: 21:00 - 22:30
Città: Formia
Luogo: Sagrato Chiesa S.Erasmo
Organizzatore:
Contatto:
Telefono: 331.40 99 649
Indirizzo: via Olivetani
eMail: info@liberaformia.it
Web: www.liberaformia.it