16 C
Roma
10 dicembre 2018
Image default
Arte e Cultura

MICRO COSMOS BY YOSUKE UENO

, 18 febbraio 2017 al 18 marzo 2017

Let
yourself be enchanted by the prime mover of Japanese Pop Surrealism. Tokyo based artist Yosuke Ueno, dreams up an extremely elaborated personal world which is representative of the iper-contemporary multicultural art scene he belongs to.

Ueno taps from underground culture, manga and graffiti art and as well from the pop imagery and iconography in order to spot on elements that are both Japanese, European, and American.
In Ueno’s brand new collection created for his solo show, the viewer will discover hundreds of hid-den symbols from different cultures, which have been melted together to fuse in rainbow landscapes popping out apparently as memories from a fantastic dream world.
Having a closer look we will discover that Ueno’s paintings depict a sort of Micro Cosmos born from the cultural mix up of a contemporary language and his historical background.

In this kaleidoscopic paintings’ series the Artist refers to the world of “Yaoyorozu no Kami”, (eight million Gods) inviting us to experience and to dive deeply into the new philosophy created by the Contemporary culture. The viewer is caught by this transcended scenario made up with magical characters and a general animated atmosphere. “Positive Energy” gives a clear idea about this moving quality, by showing a windy, immense space in which a bizarre parade leaded by a little boy is crossing the scene. The group involves fantastic animals, unidentifiable figures bizarrely clothed, carrying other unusual object Let yourself be enchanted by the prime mover of Japanese Pop Sur-realism. Tokyo based artist Yosuke Ueno, dreams, all driven by an explosion of shapes and colors. The whole composition refers to Miyazaki’s breathtaking dimensions; specifically it may be a par-allel version of Howl’s weird castle, and its dreamy scenarios driving the viewer’s mind through a timeless journey toward the incredible. A cultural Japanese background mixed with the incessant desire to look beyond reality, is what mainly connects the two artists, moving their creativeness toward the surreal.

Going back to Yaoyorozu (eight million) as an example of a large number, is the idea behind the exhibition concept, the theme is The Cultural Mix Up as a multitude of Micro Cosmos coexisting in the same Time and Space and Mind, constantly.

The mélange between contemporary themes and ancient beliefs reflects the artist’s personal view of the word. As a result, his depictions show completely inventive subjects, still they reveal some historic elements.

In the painting “Memento Mori”, the artist reproduces the popular, fairytale figure of Snowhite un-der a completely new, mystic light. The scene recalls the crucial moment of the story, when the pro-tagonist is about to eat the lethal apple. The consequence subsequent to her action is then pre an-nounced by the skull at the center of the scene. As happens in dramatic Baroque paintings, this symbol is a clear reference to the idea of death as an enduring presence. The combination of ele-ments makes the paining a“Vanitas” creation made of existing symbols and the artist’ s authentic rendering of the themes of time and death.

Specific references to classical themes also emerge from “A Swallow in the Sun”, where the floating figure recalls the Greek mythology of Icarus here reinterpreted through the artist’s surrealist eye. “Mugen Sanui” takes its name from “Sansuiga”, a Far Eastern classical paining of landscapes, aiming at the idealisation of the existing nature, which here shows the artist’s imaginary world through a magical personification of Nature.

Another recurrent theme is that of the ancient “Yin and Yang”, the Positive and Negative contradic-tory poles brought into life by the artist who gives them an anthropomorphic shape, suggesting their significant energy.

Among the strong existing Forces there is efiL (Backward of Life), which is the essence of life itself. EfiL is the dominant “strong force of the nature”, a huge tree carrying simultaneously the weight of time and the power of metaphysical wisdom.

Each one of his artworks is accurately detailed by a refined painting technique mixed to spray cans interpositions. Those paintings convey a message of positivity and cosmic vitalism each one with its own fantastic dreamscape and challenging characters born from Ueno’s typical palette and contents.

The catchy scenarios are populated by both fairytale and natural elements all running in a psyche-delic carousel.
Even the Disney tale’s heritage has found a deepest meaning becoming Memento of Time and phi-losophy of gentleness.

With fourteen brand new artworks, either meticulous compositions on large canvases and graceful portraits of youth, this show will leave the viewer aware and inspired by the Micro Cosmos that fills the surrounding world. This dynamic scenario leads up to a modern vision of intellectual freedom, which has to be considered as a state of mind, which shows the artist’s process of making art by enclosing all the invisible energies into a canvas.

—-

ITA

Lasciatevi incantare dal Prime Mover del Pop Surrealismo giapponese Yosuke Ueno. Originario di Tokyo, Ueno concepisce un proprio universo estremamente complesso che rappresenta perfetta-mente la scena artistica multiculturale da cui proviene.

Ueno attinge non solo dalla cultura underground, dai manga e dai graffiti ma anche dall’immaginario iconografico pop, al fine di mettere in risalto gli elementi che fanno parte sia della tradizione giapponese, sia di quella europea ed americana.
In questa nuova serie realizzata per la sua prima personale alla Dorothy Circus Gallery, lo spettatore scoprirà un infinito numero di simbologie nascoste e provenienti da diverse culture, che mescolate insieme si fondono in paesaggi dai mille colori che ci appaiono apparentemente come ricordi fantastici provenienti dal mondo dei sogni.

Ad uno sguardo più attento scopriamo che le opere di Ueno ritraggono una sorta di Micro Universi, generati dalla fusione del linguaggio contemporaneo ed il suo contesto storico.

In questo corpo di lavori caleidoscopico, l’artista fa riferimento al mondo di “Yaoyorozu no Kami” (8 milioni di divinità) invitandoci a sperimentare e ad immergerci profondamente nella nuova filosofia creata dalla cultura contemporanea.
Lo spettatore è catturato da uno scenario trascendentale fatto di elementi magici e un’atmosfera animata. “Positive Energy” offre un’idea chiara circa la qualità drammatica dell’opera, mostrando un spazio immenso e ventilato in cui una parata alquanto bizzarra, guidata da un fanciullo, attraversa la scena. Il gruppo include animali fantastici, figure indistinguibili dagli abiti stravaganti ed accessori inusuali, il tutto guidato da un’esplosione di forme e colori. La composizione nel suo insieme richiama i paesaggi mozzafiato di Miyazaki. In particolare, essa rappresenta una versione parallela al Castello errante di Howl e i suoi scenari inverosimili, che guidano la mente dello spettatore attraverso un viaggio senza tempo verso l’incredibile. Uno sfondo culturale giapponese, unito all’incessante desiderio di guardare oltre la realtà, è ciò che collega i due artisti e volge la loro crea-tività verso il surreale.

Il mélange di temi contemporanei con le antiche credenze riflette la visione del mondo propria dell’artista. Questo spiega il perché dei soggetti completamente innovativi, che però ancora accen-nano ad elementi storici.

Nel quadro “Memento Mori” l’artista riproduce la figura popolare e fiabesca di Biancaneve sotto una nuova luce. La scena ritratta richiama il momento cruciale della storia, quando la protagonista è sul punto di ingerire la mela letale. L’imminente conseguenza all’azione è annunciata dal teschio al centro della scena. Come accade nelle drammatiche rappresentazioni Barocche, la presenza di tale simbolo rappresenta un chiaro riferimento al tema dell’onnipresenza della morte. Questa combina-zione degli elementi fa del quadro una creazione “Vanitas”, che mischia simboli esistenti all’approccio autentico dell’artista per rappresentare i temi del tempo e della morte.

Riferimenti specifici ai temi classici emergono anche in “A swallow in the Sun”, dove la figura flut-tuante richiama la storia mitologica di Icaro, reinterpretata attraverso l’occhio surrealista dell’artista. “Mugen Sanui” prende il suo nome da “Sansuiga”, una classica riproduzione orientale di paesaggi che tende a idealizzare la natura esistente, mentre in questo contesto mostra il mondo immaginario dell’artista, attraverso una magica personificazione della natura.

Un altro tema ricorrente è quello degli antichi “Yin and Yang”, i poli positivi e negativi in costante conflitto. L’artista riporta in vita queste forze, conferendogli una forma antropomorfa che suggerisce un’energia espressiva.
Let yourself be enchanted by the prime mover of Japanese Pop Surrealism. Tokyo based artist Yosuke Ueno, dreams up an extremely elaborated personal world which is representative of the iper-contemporary multicultural art scene he belongs to.

Ueno taps from underground culture, manga and graffiti art and as well from the pop imagery and iconography in order to spot on elements that are both Japanese, European, and American.
In Ueno’s brand new collection created for his solo show, the viewer will discover hundreds of hid-den symbols from different cultures, which have been melted together to fuse in rainbow landscapes popping out apparently as memories from a fantastic dream world.
Having a closer look we will discover that Ueno’s paintings depict a sort of Micro Cosmos born from the cultural mix up of a contemporary language and his historical background.

In this kaleidoscopic paintings’ series the Artist refers to the world of “Yaoyorozu no Kami”, (eight million Gods) inviting us to experience and to dive deeply into the new philosophy created by the Contemporary culture. The viewer is caught by this transcended scenario made up with magical characters and a general animated atmosphere. “Positive Energy” gives a clear idea about this moving quality, by showing a windy, immense space in which a bizarre parade leaded by a little boy is crossing the scene. The group involves fantastic animals, unidentifiable figures bizarrely clothed, carrying other unusual object Let yourself be enchanted by the prime mover of Japanese Pop Sur-realism. Tokyo based artist Yosuke Ueno, dreams, all driven by an explosion of shapes and colors. The whole composition refers to Miyazaki’s breathtaking dimensions; specifically it may be a par-allel version of Howl’s weird castle, and its dreamy scenarios driving the viewer’s mind through a timeless journey toward the incredible. A cultural Japanese background mixed with the incessant desire to look beyond reality, is what mainly connects the two artists, moving their creativeness toward the surreal.

Going back to Yaoyorozu (eight million) as an example of a large number, is the idea behind the exhibition concept, the theme is The Cultural Mix Up as a multitude of Micro Cosmos coexisting in the same Time and Space and Mind, constantly.

The mélange between contemporary themes and ancient beliefs reflects the artist’s personal view of the word. As a result, his depictions show completely inventive subjects, still they reveal some historic elements.

In the painting “Memento Mori”, the artist reproduces the popular, fairytale figure of Snowhite un-der a completely new, mystic light. The scene recalls the crucial moment of the story, when the pro-tagonist is about to eat the lethal apple. The consequence subsequent to her action is then pre an-nounced by the skull at the center of the scene. As happens in dramatic Baroque paintings, this symbol is a clear reference to the idea of death as an enduring presence. The combination of ele-ments makes the paining a“Vanitas” creation made of existing symbols and the artist’ s authentic rendering of the themes of time and death.

Specific references to classical themes also emerge from “A Swallow in the Sun”, where the floating figure recalls the Greek mythology of Icarus here reinterpreted through the artist’s surrealist eye. “Mugen Sanui” takes its name from “Sansuiga”, a Far Eastern classical paining of landscapes, aiming at the idealisation of the existing nature, which here shows the artist’s imaginary world through a magical personification of Nature.

Another recurrent theme is that of the ancient “Yin and Yang”, the Positive and Negative contradic-tory poles brought into life by the artist who gives them an anthropomorphic shape, suggesting their significant energy.

Among the strong existing Forces there is efiL (Backward of Life), which is the essence of life itself. EfiL is the dominant “strong force of the nature”, a huge tree carrying simultaneously the weight of time and the power of metaphysical wisdom.

Each one of his artworks is accurately detailed by a refined painting technique mixed to spray cans interpositions. Those paintings convey a message of positivity and cosmic vitalism each one with its own fantastic dreamscape and challenging characters born from Ueno’s typical palette and contents.

The catchy scenarios are populated by both fairytale and natural elements all running in a psyche-delic carousel.
Even the Disney tale’s heritage has found a deepest meaning becoming Memento of Time and phi-losophy of gentleness.

With fourteen brand new artworks, either meticulous compositions on large canvases and graceful portraits of youth, this show will leave the viewer aware and inspired by the Micro Cosmos that fills the surrounding world. This dynamic scenario leads up to a modern vision of intellectual freedom, which has to be considered as a state of mind, which shows the artist’s process of making art by enclosing all the invisible energies into a canvas.

—-

ITA

Lasciatevi incantare dal Prime Mover del Pop Surrealismo giapponese Yosuke Ueno. Originario di Tokyo, Ueno concepisce un proprio universo estremamente complesso che rappresenta perfetta-mente la scena artistica multiculturale da cui proviene.

Ueno attinge non solo dalla cultura underground, dai manga e dai graffiti ma anche dall’immaginario iconografico pop, al fine di mettere in risalto gli elementi che fanno parte sia della tradizione giapponese, sia di quella europea ed americana.
In questa nuova serie realizzata per la sua prima personale alla Dorothy Circus Gallery, lo spettatore scoprirà un infinito numero di simbologie nascoste e provenienti da diverse culture, che mescolate insieme si fondono in paesaggi dai mille colori che ci appaiono apparentemente come ricordi fantastici provenienti dal mondo dei sogni.

Ad uno sguardo più attento scopriamo che le opere di Ueno ritraggono una sorta di Micro Universi, generati dalla fusione del linguaggio contemporaneo ed il suo contesto storico.

In questo corpo di lavori caleidoscopico, l’artista fa riferimento al mondo di “Yaoyorozu no Kami” (8 milioni di divinità) invitandoci a sperimentare e ad immergerci profondamente nella nuova filosofia creata dalla cultura contemporanea.
Lo spettatore è catturato da uno scenario trascendentale fatto di elementi magici e un’atmosfera animata. “Positive Energy” offre un’idea chiara circa la qualità drammatica dell’opera, mostrando un spazio immenso e ventilato in cui una parata alquanto bizzarra, guidata da un fanciullo, attraversa la scena. Il gruppo include animali fantastici, figure indistinguibili dagli abiti stravaganti ed accessori inusuali, il tutto guidato da un’esplosione di forme e colori. La composizione nel suo insieme richiama i paesaggi mozzafiato di Miyazaki. In particolare, essa rappresenta una versione parallela al Castello errante di Howl e i suoi scenari inverosimili, che guidano la mente dello spettatore attraverso un viaggio senza tempo verso l’incredibile. Uno sfondo culturale giapponese, unito all’incessante desiderio di guardare oltre la realtà, è ciò che collega i due artisti e volge la loro crea-tività verso il surreale.

Il mélange di temi contemporanei con le antiche credenze riflette la visione del mondo propria dell’artista. Questo spiega il perché dei soggetti completamente innovativi, che però ancora accen-nano ad elementi storici.

Nel quadro “Memento Mori” l’artista riproduce la figura popolare e fiabesca di Biancaneve sotto una nuova luce. La scena ritratta richiama il momento cruciale della storia, quando la protagonista è sul punto di ingerire la mela letale. L’imminente conseguenza all’azione è annunciata dal teschio al centro della scena. Come accade nelle drammatiche rappresentazioni Barocche, la presenza di tale simbolo rappresenta un chiaro riferimento al tema dell’onnipresenza della morte. Questa combina-zione degli elementi fa del quadro una creazione “Vanitas”, che mischia simboli esistenti all’approccio autentico dell’artista per rappresentare i temi del tempo e della morte.

Riferimenti specifici ai temi classici emergono anche in “A swallow in the Sun”, dove la figura flut-tuante richiama la storia mitologica di Icaro, reinterpretata attraverso l’occhio surrealista dell’artista. “Mugen Sanui” prende il suo nome da “Sansuiga”, una classica riproduzione orientale di paesaggi che tende a idealizzare la natura esistente, mentre in questo contesto mostra il mondo immaginario dell’artista, attraverso una magica personificazione della natura.

Un altro tema ricorrente è quello degli antichi “Yin and Yang”, i poli positivi e negativi in costante conflitto. L’artista riporta in vita queste forze, conferendogli una forma antropomorfa che suggerisce un’energia espressiva.

Tra le forze moventi c’è anche efiL (anagramma di Life), l’essenza stessa della Vita. EfiL è la do-minante “potente forza della natura”. Un enorme albero che trasporta simultaneamente sia il peso del tempo che il potere della saggezza metafisica.

Ognuno dei suoi quadri, accuratamente dettagliato da una raffinata tecnica pittorica unita a interpo-sizioni di diverse tecniche, tra cui lo spray, raffigura e racconta un messaggio pieno di positività e “vitalismo cosmico”. Ogni universo è raccontato da un inedito paesaggio onirico e i suoi intriganti personaggi fantastici che nascono dalla ormai inconfondibile palette di Yosuke.

Scenari accattivanti popolati da elementi naturali, fantastici ed allo stesso tempo mistici, che insieme concorrono all’esecuzione di un carosello psichedelico.

Persino il patrimonio del racconto Disney ha trovato un significato più profondo divenendo Me-mento del Tempo e della filosofia della Dolcezza.

Con quattordici nuove opere, tra composizioni meticolose su grandi tele e ritratti che esprimono tut-ta la grazia della giovinezza, questa mostra lascerà lo spettatore consapevole e ispirato dai molteplici Micro Cosmos che riempiono le molteplici realtà dalle quali siamo circondati, aprendo le porte a una iper-moderna visione della libertà intellettuale, da considerarsi come innovativa condizione mentale.

Tra le forze moventi c’è anche efiL (anagramma di Life), l’essenza stessa della Vita. EfiL è la do-minante “potente forza della natura”. Un enorme albero che trasporta simultaneamente sia il peso del tempo che il potere della saggezza metafisica.

Ognuno dei suoi quadri, accuratamente dettagliato da una raffinata tecnica pittorica unita a interpo-sizioni di diverse tecniche, tra cui lo spray, raffigura e racconta un messaggio pieno di positività e “vitalismo cosmico”. Ogni universo è raccontato da un inedito paesaggio onirico e i suoi intriganti personaggi fantastici che nascono dalla ormai inconfondibile palette di Yosuke.

Scenari accattivanti popolati da elementi naturali, fantastici ed allo stesso tempo mistici, che insieme concorrono all’esecuzione di un carosello psichedelico.

Persino il patrimonio del racconto Disney ha trovato un significato più profondo divenendo Me-mento del Tempo e della filosofia della Dolcezza.

Con quattordici nuove opere, tra composizioni meticolose su grandi tele e ritratti che esprimono tut-ta la grazia della giovinezza, questa mostra lascerà lo spettatore consapevole e ispirato dai molteplici Micro Cosmos che riempiono le molteplici realtà dalle quali siamo circondati, aprendo le porte a una iper-moderna visione della libertà intellettuale, da considerarsi come innovativa condizione mentale.


Data: il 18 febbraio 2017 al 18 marzo 2017
Orario: 18:30 - 20:00
Città:
Luogo: Dorothy Circus Gallery
Organizzatore:
Contatto:
Telefono: 00447765559185
Indirizzo: Via dei Pettinari, 76
eMail: info@dorothycircusgallery.com
Web: www.dorothycircusgallery.com


Leave a Comment