27 Settembre 2020
Musica, Spettacoli e Danza

Rassegna cinematografica: Muri e frontiere. Un’umanità in fuga.

Roma, 2 Novembre 2014 - 27 Novembre 2014

A 25 anni dalla caduta del muro di Berlino, le Biblioteche di Roma presentano una Rassegna di film e documentari su tutti i muri e le frontiere del mondo, nate per respingere e impedire le migrazioni causate da guerre, povertà e persecuzioni.

Ad accompagnare la rassegna, una mostra collettiva di fotografie e incontri con registi e giornalisti.

“Le ombre del nostro tempo. Minacce e paure dell’epoca in cui viviamo: Muri. Gli infiniti muri, grandi e piccoli, visibili e invisibili che persistono nel mondo. Muri fatti di sabbia, mattoni e filo spinato e di fantasmi della mente. Muri antichi che persistono e nuovi muri che vengono eretti. Ma anche grandi e piccoli muri che cadono. Muri che crollano all’improvviso o che continuano silenziosamente a sgretolarsi. Una dialettica incessante che configura la nostra epoca come luogo, per eccellenza, dei conflitti e dei loro infiniti possibili percorsi di conciliazione.” (Sinossi del film Muri)

Programma

Lunedì 3 Novembre
Ore 17 Biblioteca Guglielmo Marconi
Intervengono Gabriella Sanna, responsabile Servizio Intercultura Biblioteche di Roma;
Joshua Evangelista, giornalista, frontierenews.it

Il figlio dell’altra, di Lorraine Lévy
Francia 2012 – 105′
Joseph Silberg è un ragazzo israeliano che vive spensierato i suoi pochi anni e il suo sogno di scrivere canzoni, da cui lo separa il servizio di leva obbligatoria nell’esercito. Figlio di un ufficiale e di una dottoressa che lo amano incondizionatamente, scopre durante la visita militare che il suo gruppo sanguigno non è compatibile con quello dei genitori. Scambiato diciotto anni prima con Yacine Al Bezaaz, palestinese dei territori occupati della Cisgiordania, Joseph è sconvolto e confuso. La rivelazione getta nel caos le rispettive famiglie che provano a incontrarsi e accorciare le distanze culturali.
Venerdì 7 Novembre
Ore 18 Biblioteca Nelson Mandela
Sarà presente il regista Alessandro Galassi. Intervengono Maria Cuffaro, giornalista, Tg3, Tonio Dell’Olio, referente del settore internazionale di Libera Onlus

Fronteras Mexico, di Alessandro Galassi
2013 – 55’Storie di donne e uomini in cammino che attraversano il Messico.
Sono oltre 200 mila ogni anno, partono dai paesi del Centro America per raggiungere gli Stati Uniti alla ricerca di un lavoro. Il documentario racconta le loro storie e le frontiere del paese. La frontiera sud con il Guatemala Tapachula, dove il governo nell’ultimo anno sta aumentando i controlli e la frontiera con gli Stati Uniti Juarez, la città con il più alto numero di omicidi al mondo.

Lunedì 10 novembre
Ore 17 Biblioteca Guglielmo Marconi
Introduce Vincenzo Valentino, docente di Linguaggio audiovisivo
Il sole dentro, di Paolo Bianchini
Italia 2012- 100′
1999. Yaguine e Fodé, due adolescenti della Guinea, decidono di scrivere una lettera “Alle loro Eccellenze i membri e responsabili dell’Europa” per descrivere la condizione dei bambini nel loro Paese e chiedere aiuto. Vogliono però consegnarla personalmente e, per far ciò, si nascondono nel vano carrello di un aereo che ha Bruxelles come destinazione. 2009. Thabo, ragazzino prelevato dal suo villaggio guineiano come possibile promessa del calcio, viene abbandonato in mezzo a una strada perché ritenuto non sufficientemente dotato. Il compagno di allenamenti Rocco lo rintraccia e inizia con lui un avventuroso viaggio verso N’Dola, il luogo in cui Thoba ha la sua famiglia.

Venerdì 14 Novembre
Ore 18 Biblioteca Nelson Mandela
Sarà presente il regista Paolo Martino. Intervengono Silvio di Francia, Ufficio Diritti fondamentali di Roma Capitale, Marco Di Donato, giornalista, Osservatorio Iraq Medio Oriente e Nordafrica

Terra di transito, di Paolo Martino
Italia 2014 – 54′
Come migliaia di suoi coetanei in fuga dalla guerra, Rahell ha intrapreso un duro viaggio dal Medio Oriente all’Europa senza visti né passaporto, tentando di congiungersi a un ramo della famiglia che vive da anni in Svezia. Sbarcato in Italia però, ha scoperto che a dividerlo dalla sua meta c’è il regolamento di Dublino, la norma che impone ai rifugiati di risiedere nel primo paese d’ingresso in Unione Europea. Anche se per Rahell l’Italia non è altro che una Terra di Transito.
Lunedì 17 Novembre
Ore 17 Biblioteca Guglielmo Marconi
Introduce Vincenzo Valentino, docente di Linguaggio audiovisivo

La zona, di Rodrigo Plá
Spagna/Messico 2007- 95′
Alejandro è un adolescente che vive nella Zona, un ricco quartiere di Città del Messico recintato e protetto da guardie private; oltre i confini della Zona, regnano miseria e povertà. Il giorno del suo compleanno, tre ragazzi riescono ad introdursi nella Zona per compiere un furto, ma qualcosa va storto, ed una donna rimane uccisa. Dei tre ragazzi, due vengono uccisi dalle guardie, mentre l’unico superstite, Miguel, fugge ma non riesce a lasciare la Zona. Troverà rifugio proprio in casa di Alejandro, e mentre tutti i residenti della Zona gli danno la caccia per farsi giustizia da soli, tra i due coetanei s’instaurerà uno strano legame. Presentato al Festival di Venezia del 2007 nella sezione “Giornate degli Autori”.

Venerdì 21 Novembre
Ore 18 Biblioteca Nelson Mandela
Sarà presente il regista Francesco Conversano. Interviene Pietro Veronese, giornalista, La Repubblica

Muri, di Francesco Conversano, Nene Grignaffini
Italia 2012 – 85′
A cinquant’anni dalla posa della prima pietra del muro di Berlino nel 1961, ancora oggi il mondo sembra inesorabilmente attraversato da muri, muri visibili e muri invisibili. Muri che dividono, che esasperano le differenze, che alimentano odi etnici e religiosi; muri che innalzano barriere tra le razze e i colori della pelle; muri che creano conflitti in ogni parte del mondo. Ma in questa eterna, dolorosa e fiduciosa storia di dialogo e conflitto è importante che cresca la consapevolezza che, forse, i muri più difficili da abbattere sono quelli dentro di noi.
Il film racconta due luoghi lontani del mondo in cui permangono due esempi di separazione: la linea di frontiera che divide gli Stati Uniti dal Messico e Mitrovica, in Kosovo.
Lunedì 24 novembre
Ore 17 Biblioteca Guglielmo Marconi
Introduce Vincenzo Valentino, docente di Linguaggio audiovisivo

La gabbia dorata – La Jaula de Oro, di Diego Quemada-Diez
Messico 2013- 102′
Tre adolescenti guatemaltechi, Juan, Sara e Samuel, cercano di raggiungere gli Stati Uniti d’America per inseguire il sogno di un’altra vita, lontano dalla povertà in cui sono cresciuti. Alla frontiera, dopo il primo scontro con gli agenti, Samuel tornerà a casa, mentre Juan e Sara, cui si è aggiunto Chauk, un indio del Chiapas che non parla lo spagnolo, andranno avanti. Il loro sarà un percorso pieno di insidie, un cammino nella disperazione, contro tutto e tutti. Al centro dell’opera prima di Diego Quemada-Díez c’è il concetto di frontiera. Intesa come limite e separazione, linea immaginaria che separa i ricchi dai poveri, terre economicamente sviluppate da altre ferme sotto il giogo di una grande arretratezza.

Lunedì 24 Novembre
Ore 19 Biblioteca Nelson Mandela
Sarà presente il regista Andrea Segre. Interviene Federica Araco, giornalista di Babelmed

Mare Chiuso, di Stefano Liberti, Andrea Segre
Italia 2012- 60′
Tra maggio 2009 e settembre 2010 oltre duemila migranti africani vennero intercettati nelle acque del Mediterraneo e respinti in Libia dalla Marina e dalla Polizia italiana; in seguito agli accordi tra Gheddafi e Berlusconi, infatti, le barche dei migranti venivano sistematicamente ricondotte in territorio libico, dove i richiedenti asilo non godevano di alcun diritto e la polizia esercitava indisturbata varie forme di abusi e di violenze. Non si è mai potuto sapere ciò che realmente succedeva ai migranti durante i respingimenti, perché nessun giornalista era ammesso sulle navi e perché tutti i testimoni furono poi destinati alla detenzione in Libia. Nel marzo 2011 con lo scoppio della guerra in Libia, tutto è cambiato. Migliaia di migranti africani sono scappati e tra questi anche rifugiati etiopi, eritrei e somali che erano stati precedentemente vittime dei respingimenti italiani e che si sono rifugiati nel campo UNHCR di Shousha in Tunisia.

Venerdì 28 Novembre
Ore 18 Biblioteca Nelson Mandela
Sarà presente il regista Emiliano Pappacena. Interviene Nathalie Galesne, giornalista, Babelmed

Lampedusa-Parigi: diario di viaggio, di Emiliano Pappacena
Italia 2012- 52′

Documentario “on the road” durante il quale il regista viaggia fianco a fianco ad un gruppo di giovani tunisini fuggiti in seguito alle rivoluzioni della primavera araba.
Durante questo viaggio, che vede il suo principio a Lampedusa e si conclude un anno dopo a Parigi, si condividono emozioni, sogni e paure di questi giovani immigrati che una volta giunti a destinazione dovranno fare i conti con un’Europa ben diversa dalle loro aspettative.

Presso la Biblioteca Mandela per tutto il mese di novembre sarà allestita una mostra collettiva di fotografie sul tema dei muri nel mondo, a cura dei fotografi:
Paolo Cestaro, Alessandro Ciccarelli, Francesco Conversano, Paolo Martino.

 

Biblioteca Guglielmo Marconi via Gerolamo Cardano, 135
Biblioteca Nelson Mandela via La Spezia, 21
Roma

Info: Servizio Intercultura
Tel. 06 45430264
[email protected]
www.romamultietnica.it

INFORMAZIONI:

Data: 2 Novembre 2014 - 27 Novembre 2014
Orario: 00:00 - 00:00
Città: Roma
Luogo: Biblioteca Guglielmo Marconi, Biblioteca Nelson Mandela
Organizzatore: le Biblioteche di Roma
Contatto: Servizio Intercultura
Telefono: 06 45430264
Indirizzo: via Gerolamo Cardano, 135 - via La Spezia, 21
eMail: [email protected]
Web: www.romamultietnica.it