8.2 C
Roma
17 dicembre 2018
Image default
Musica, Spettacoli e Danza

Stagione Estiva 2013 ad Ostia Antica

Roma, 04 luglio 2013 al 05 agosto 2013

Il Teatro Romano di Ostia Antica è uno dei monumenti più suggestivi ed imponenti della nostra storia. Costruito all’epoca di Augusto da Agrippa, amico e genero dell’Imperatore, fu restaurato per opera di Commodo e forse ampliato sotto Settimio Severo e Caracalla con una capacità aumentata fino a quattromila posti. Il grande Piazzale delle Corporazioni retrostante alla scena del teatro aveva gli uffici di rappresentanza delle compagnie di navigazione e di commercio delle principali città del Mediterraneo e delle provincie d’Africa. Navicularii (proprietari di navi) e negotiatores (commercianti) avevano qui i loro uffici. Non esistono monumenti antichi che meglio di questo complesso restituiscano un’impressione viva e diretta della variegata struttura economica e culturale dell’Antica Roma.

4-5 LUGLIO
ANTONELLO AVALLONE
SECONDO PONZIO PILATO
di Luigi Magni
Regia Antonello Avallone

Il testo rilegge un capitolo di storia sacra puntando sul probabile sconcerto provocato nel governatore romano della Giudea dalla resurrezione di Cristo. Il Ponzio Pilato di Magni è il portavoce di uno scetticismo laico che, dinanzi ai miracoli, altri definirebbero buonsenso: soltanto sul finire si addossa tutta la responsabilità di aver mandato a morte Cristo e chiede a Tiberio, che lo accontenta, di essere decapitato affinché la colpa della crocifissione non ricada sugli ebrei. Dopo la condanna, Gesù di Nazareth viene crocifisso sul Calvario.

6 LUGLIO
M.D.A. Produzioni
ERNESTO LAM – MIRIAM PALMA – SEBASTIANO TRINGALI
ORACOLO DI DELFI
da Plutarco, Sofocle, Euripide
Regia e Coreografia Aurelio Gatti

Tu‚ Pannychis‚ vaticinasti con fantasia‚ capriccio‚ arroganza‚ addirittura con insolenza irriguardosa‚ insomma: con arguzia blasfema. Io invece commissionai i miei oracoli con fredda premeditazione‚ con logica ineccepibile‚ insomma: con razionalità. Ebbene devo ammettere che il tuo oracolo ha fatto centro.[…]

10 LUGLIO
M.D.A. Produzioni – ACCADEMIA PERDUTA
VALENTINA CAPONE – CINZIA MACCAGNANO – SEBASTIANO TRINGALI
CALIGOLA
da Svetonio e Albert Camus
Regia e Coreografia Aurelio Gatti

“Ma non sono pazzo e posso dire perfino di non essere mai stato così ragionevole come ora. Semplicemente mi sono sentito all’improvviso un bisogno di impossibile. Le cose così come sono non mi sembrano soddisfacenti. […] è vero‚ ma non lo sapevo prima. Adesso lo so. Questo mondo così com’è fatto non è sopportabile. Ho bisogno della luna‚ o della felicità o dell’immortalità‚ di qualcosa che sia demente forse‚ ma che non sia di questo mondo.”

13 LUGLIO
COMPAGNIA CASTALIA
LA PACE
di Aristofane
Regia Vincenzo Zingaro

Scritta nel 421 a. C., durante la guerra del Peloponneso, l’interminabile conflitto fra Sparta e Atene, “LA PACE” contiene fortissimi spunti di riflessione che la rendono estremamente aderente alla realtà precaria del nostro tempo.

20 LUGLIO
MANUELA MANDRACCHIA – ALVIA REALE – SANDRA TOFFOLATTI MARIARIANGELES TORRES
LE TROIANE
da Euripide e Seneca
Regia Mitipretese

La scena è spoglia, scandita da ciò che resta dopo la guerra. Un cumulo di vecchie valige, un tavolo divelto, sedie spaiate seminate attorno, resti di detriti e utensili, in fondo un muro coperto da vecchi drappi di tela. Una donna percorre la platea, smarrita, confusa. Si agita, e altre due la raggiungono a calmarla.

25 LUGLIO
VANESSA GRAVINA – EDOARDO SIRAVO
LE FARSE PLAUTINE
di Plauto
Regia Luca Cairati

Artisti girovaghi che nel teatro non credono più. Un carretto che li ha portati in giro per il mondo. Cosa può far di nuovo nascere la scintilla in questi attori disillusi?
La risposta sta nel pubblico, che, come una magia, riinnesca la fantasia di questa troupe di attori, i quali terranno gli spettatori incollati alle loro sedie ripercorrendo tutto il loro repertorio comico: da Aristofane a Plauto, da Molière a Beckett, passando per Shakespeare, fino all’improvvisazione dei comici della Commedia dell’Arte.

27 LUGLIO
LA BOTTEGA DEL PANE
LUNA MARONGIU – CINZIA MACCAGNANO – CRISTINA PUTIGNANO
LE RANE
da Aristofane
Regia Cinzia Maccagnano

“Le Rane” sono una parodia della decadenza politica e culturale dell’Atene del 405 a.c., ma soprattutto una riflessione sul teatro e sulla vita morale e sociale, all’indomani della morte di Euripide e Sofocle, ultime guide intellettuali della polis. Protagonista è Dioniso, il dio del teatro, ma che qui non è più il seducente straniero delle baccanti, bensì un patetico personaggio in cerca d’autore, un attore senza ruolo al quale avanzano battute tragiche che, fuori contesto, risultano penose e grottesche.

3 AGOSTO
TEATRO ANTICO TINDARI
EDOARDO SIRAVO – ANTONIO SILVIA – MARCO SIMEONI
RENATO CAMPESE
MILES GLORIOSUS
di Plauto
Regia Alvaro Piccardi

Il tema della farsa, una situation comedy di duemila anni fa, che brilla nella nuova tradu- zione di Michele Di Martino e si avvale della regia di Beppe Arena (impegnato da anni nella proposta di testi classici latini nonché direttore artistico del Plautus Festival di Sarsina), è arcinoto ai cultori della commedia antica: Il giovane Pleusicle ama la bella Filocomasio.

5 AGOSTO
TEATRO EUROPEO PLAUTINO DI SARSINA
CAMILLO GRASSI – MASSIMO BONCOMPAGNI
AULULARIA
di Plauto
Regia Cristiano Roccamo

Ad Atene vivono due vecchi, Euclione e Megadoro.
Un giorno il vecchio Euclione trova una pentola d’oro dalla quale non riesce più a separarsi per il timore che qualcuno gliela sottragga all’ improvviso. Ed è proprio in uno di questi giorni che il vecchio e ricco Medoro si decide a chiedere in sposa la figlia di Euclione, Fedria.


Data: il 04 luglio 2013 al 05 agosto 2013
Orario: 21:00 - 22:30
Città: Roma
Luogo: Teatro Romano
Organizzatore:
Contatto:
Telefono: 06.5650396
Indirizzo: Via dei Romagnoli, 717
eMail:
Web: www.ostianticateatro.it