24 Settembre 2020
Varie

Workshop “Musica e Immagine”

Roma, 13 Dicembre 2013 - 14 Dicembre 2013

LA DRAMMATURGIA MUSICALE di Claudio Rovagna

La Drammaturgia musicale è un metodo sperimentale per l’analisi e per condurre scelte operative di testi musicali all’interno di allestimenti teatrali e/o videocinematografici.

Il Workshop propone agli allievi una formazione professionale di base, sorretta da un impianto di conoscenze culturali ed artistiche proprie del campo musicale.

Tale formazione implica una consapevolezza delle problematiche del suono e della musica anche per quegli operatori del campo dello Spettacolo che non siano musicisti compositori.

Il Workshop proposto ha un approccio propedeutico nella progettazione artistica per lo spettacolo, per l’evento culturale e per la comunicazione. Il percorso formativo parte da un’osservazione propedeutica delle componenti del suono e si affaccia in diverse aree espressive e creative (suono e immagine, suono e racconto, suono e spazio, suono e performance, suono e spettacolo, suono e cinema, suono per l’installazione artistica). Il percorso indaga aspetti fisici del suono e della sua propagazione , il rapporto espressivo e narrativo della musica con l’immagine filmica, e con le immagini in altri contesti.

E’ finalità del Workshop fornire strumenti teorici ed operativi per il corretto utilizzo del suono e della musica in ambito di produzione artistica soprattutto di Spettacolo, senza tralasciare le basi culturali necessarie per una corretta costruzione di competenze sia creative sia critiche.

E’ finalità del seminario concorrere alla creazione degli allievi di proprio “linguaggio sonoro”

Obiettivi

Fornire agli allievi strumenti di base, teorici ed operativi della progettazione sonora,
Arricchire la cultura di base degli allievi relativa al mondo musicale e sonoro, ed un linguaggio artistico personale per effettuare scelte musicali idonee in una produzione artistica;
fornire agli allievi conoscenze tecniche per la corretta diffusione del suono in relazione allo spazio e alla forma artistica del prodotto-spettacolo;
fornire strumenti culturali per un ampliamente delle competenze drammaturgiche musicali per la professione musicale nello spettacolo
fornire competenze tecniche ed operative per una relazione professionale di supporto al musicista nell’ambito della produzione spettacolo.

Modalità e metodologia didattica

Workshop intensivo con lezione frontale, visione ed ascolto di materiale audio-video, utilizzo di dispense del docente, produzioni in gruppo di lavoro.

 

Struttura del workshop

ACUSTICA

Mod 1 Natura e trasmissione del suono – La percezione del suono

Mod 2 Problematiche di acustica ambientale, il suono e lo spazio

Mod 3 La Musica dal vivo e la musica registrata

Il LINGUAGGIO SONORO

Mod 1 Cenni di teoria musicale

Mod 2 Il linguaggio sonoro

Mod 3 Musica e immagine

Mod 4 La drammaturgia sonora

Argomenti

Fisica del suono Differenza tra suono e rumore; l’acustica musicale. Esempi pratici multimediali.

Le caratteristiche del suono :

Altezza del suono. Storia della notazione musicale. Concetto di scala musicale. Analisi formale di una melodia ed esercitazione pratica. Studio degli armonici. Principi dell’armonia. Esempi pratici di armonizzazioni su melodie realizzate in precedenza. Elementi di contrappunto e polifonia.

Durata del suono. Concetto di tempo musicale, ritmo e accenti. Esempi pratici e costruzione di ritmi improvvisati. Le famiglie dei tempi musicali. Esercitazioni su ritmo e caratterizzazione di personaggi. Il tappeto sonoro: base aritmica su cui connettere immagini ritmiche.

Intensità del suono. Dal pianissimo al fortissimo (esempi orchestrali). Importanza dei volumi di ascolto tra parlato, musica e rumore. Analisi da materiale cinematografico ed esempi pratici. Le unità di misurazione del volume sonoro: il Decibel. Pressione sonora da 0 a 120 db , quali sono i danni per l’udito se sottoposto a pressioni sonore elevate.

Timbri del suono. Differenze fra le forme d’onda esistenti. L’aria, la corda, le lamine come produttori di suono. Categorie degli strumenti musicali. L’orchestra: analisi della composizione strumentale, esempi pratici. La produzione elettrica ed elettronica del suono. Importanza dei timbri sonori per l’immagine (esempi cinematografici, ed esercitazioni pratiche).

La percezione del suono musicale, L’esperienza acusmatica, Lo spazio sonoro, Il suono musicale

Il suono e lo spazio scenico , problemi relativi alla diffusione del suono e rapporto drammaturgico di differenti percezioni del pubblico nella ricezione del messaggio sonoro.

Rapporto tra musica e immagine filmica. Rapporto tra musica e immagine nel cinema, nel teatro e nelle varie espressioni artistiche.

Storia dalla nascita del cinema (commento musicale dal vivo), l’avvento del sonoro (fusione definitiva dell’immagine e del suono) Colonna parlato, colonna sonora, colonna rumori. Analisi delle singole colonne, rapporto fra di loro. Cenni storici sulle tecnologie usate per la riproduzione della musica nel cinema.

Suono diegetico, suono extradiegetico, suono acusmatico, suono visualizzato, il leitmotiv, suono simultaneo, suono non simultaneo

Concetto di musica per aderenza e per contrasto. Sincronismo e asincronismo. Elementi di psicoacustica in relazione alla fisica e ai parametri del suono. Loro importanza nel rapporto musica immagine.

Modulo pratico riassuntivo e verifica delle lezioni teoriche precedenti. Esempi pratici su immagini (brani cinematografici o documentari, etc.). Esercitazioni sulla costruzione di piccole situazioni teatrali con musica dal vivo.

Analisi di sequenze cinematografiche proposte dagli allievi. Sostituzione con musica eseguita dal vivo delle colonne sonore preesistenti. Esempi con musiche in aderenza e musiche a contrasto. Uso del tappeto sonoro. Concetto di “leitmotiv” (motivo conduttore). Uso dei rumori come colonna sonora, esempi. Uso del silenzio. Uso filmico della musica “pura” (musica preesistente non composta per l’immagine filmica).

Breve analisi delle principali tecniche di ripresa e diffusione del suono

Il microfono, il mixer, gli effetti, la registrazione analogica e digitale, il mixaggio.

Il computer nel mondo della musica, principali software di registrazione, post-produzione e masterizzazione.

Ultime tecnologie digitali di registrazione e montaggio di musica.

Il costo del workshop è di 30 €

INFORMAZIONI:

Data: 13 Dicembre 2013 - 14 Dicembre 2013
Orario: 00:00 - 00:00
Città: Roma
Luogo: Casa delle Culture
Organizzatore:
Contatto:
Telefono:
Indirizzo: Via di San Crisogono, 45
eMail: [email protected]
Web: www.specchisonori.org