14.6 C
Roma
9 dicembre 2018
Image default
Giornate del Patrimonio 2012 Provincia di Roma

Roma – La Fontana della Vita: immagini e simboli

Museo H. C. Andersen

In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio (29-30 settembre 2012) il Museo H.C. Andersen propone la visita alle collezioni permanenti con un approfondimento sulla storia e i temi della ‘Fontana della Vita’, che costituisce il nucleo centrale del World Centre of Communication.

In questa occasione ci si sofferma su una delle tematiche più amate dallo scultore quella del bacio, dell’abbraccio inteso nel senso più ampio e vero del suo significato in quanto espressione di sentimenti di differente natura che contemplano non solo l’amore, ma anche l’affetto materno e filiale, la tenerezza, la simpatia, la gratitudine, la compassione, la gioia, il dolore.

Un breve spunto di riflessione di affascinante contestualizzazione dell’epoca, vede nello stesso periodo due grandi interpreti del tema: la scultura sensuale di Rodin e la psicanalisi Freudiana. In alcune lingue baciare e mangiare si esprimono nello stessa parola e quindi all’atto di “suggere” l’altro (l’allattamento) andrebbe ricondotta l’origine del bacio come ricerca del piacere. L’analisi freudiana ha provato come la libido sviluppi nell’infante una definita ricerca del piacere che trova proprio nella bocca e nelle labbra i mezzi privilegiati di soddisfacimento del bisogno.

In questo contesto di significativa attrazione sono le numerose pose nelle quali Hendrik coglie il bacio e l’abbraccio, tra due corpi, tra due labbra, tra due braccia, nell’uomo stretto alla donna siano madre e figlio, uomo e donna. Il ripetersi assiduo della significazione di maternità è visibile anche nella Gioia di vivere rappresentata con due figure, maschio e femmina, nel Passo o la Fratellanza. Indicazione esplicita ai fortissimi inscindibili legami di Hendrik con la famiglia vicina e lontana, la madre Helen, il fratello Andreas scomparso, il giovane fratello Arthur attivo negli Stati Uniti, sono tutte le raffigurazioni simboliche dalle quali emerge l’idea stessa dello scaturire dei sentimenti e della creatività intesa in senso lato. Non a caso una delle opere più strettamente connesse con l’esperienza privata di Hendrik L’angelo della vita è legata al duplice senso di vita e di morte individuato nel “bacio” a cui fa riferimento questo gruppo scultoreo.

Le visite si svolgeranno secondo il seguente calendario:

Sabato 29 settembre h 11.00  Visita alle collezioni permanenti con un approfondimento sulla storia e i temi della ‘Fontana della Vita’, a cura di Veronica Piombarolo
Domenica 30 settembre h 11.00  Visita alle collezioni permanenti con un approfondimento sulla storia e i temi della ‘Fontana della Vita’, a cura di Matilde Amaturo (direttore museo)

Data Inizio:29 settembre 2012
Data Fine: 30 settembre 2012
Costo del biglietto: gratuito; Per informazioni 06 3219089
Prenotazione: Facoltativa
Luogo:  via Pasquale Stanislao Mancini, Roma, Museo H. C. Andersen
Orario: 9.30-19.30 ultimo ingresso 19
Telefono: 06 3219089
E-mail: 
Sito web: http://www.museoandersen.beniculturali.it

Leave a Comment