30.9 C
Roma
19 Agosto 2019
Image default
Arte e Cultura

Il Maestro e Margherita

Roma, 15 marzo 2013

Frammento di un insegnamento sconosciuto.
Incontro con Andrea Colamedici
INGRESSO LIBERO

Il classico oscuro, satirico e spietato, definito da Eugenio Montale «un miracolo che ognuno deve salutare con commozione», nasconde un’affascinante possibilità: se dietro a Woland, il Diavolo protagonista del romanzo, si celasse la figura di G.I. Gurdjieff? Se l’intero libro fosse una splendida rappresentazione dell’insegnamento del grande mistico armeno?
Il Maestro e Margherita, riscritto interamente da Bulgakov per la quarta volta appena un mese prima di morire, è uno straziante e divertente viaggio interstellare nell’umanità. Per i suoi contenuti eretici, ricchi di riferimenti cabalistici, l’opera venne pubblicata soltanto ventisette anni più tardi, divenendo immediatamente un successo internazionale.

Eppure dovrai metterti l’animo in pace, – replicò Woland, e un sorriso beffardo storse la sua bocca. – Non hai fatto in tempo ad apparire sul tetto che hai già detto una sciocchezza, e ti dirò io in che cosa consiste: nel tuo tono. Hai pronunciato le tue parole come se tu non riconoscessi l’esistenza delle ombre, e neppure del male. Non vorresti avere la bontà di riflettere sulla questione: che cosa farebbe il tuo bene, se non esistesse il male? E come apparirebbe la terra, se ne sparissero le ombre? Le ombre provengono dagli uomini e dalle cose. Ecco l’ombra della mia spada. Ma ci sono le ombre degli alberi e degli esseri viventi. Vuoi forse scorticare tutto il globo terrestre, portandogli via tutti gli alberi e tutto quando c’è di vivo per il tuo capriccio di goderti la luce nuda? Sei sciocco.
(Il Maestro e Margherita)


INFORMAZIONI:

Data: il 15 marzo 2013
Orario: 21:00 - 22:30
Città: Roma
Luogo: Spazio Interiore
Organizzatore:
Contatto:
Telefono: 06 9016 0288
Indirizzo: Via Vincenzo Coronelli 46
eMail: info@spaziointeriore.com
Web: www.spaziointeriore.com