25 Ottobre 2020
Notizie dal Lazio

Istituito il Monumento Naturale “Lago ex Snia-Viscosa”

Istituito il Monumento naturale del “Lago Ex SNIA-Viscosa”, un territorio che svolge la funzione di corridoio ecologico tra la Riserva Naturale Valle dell’Aniene e il Parco dell’Appia Antica. Un importante tassello per la rete ecologica regionale

Un importante tassello per la rete ecologica regionale, dalla grande valenza naturalistica e dalle elevate potenzialità di rinaturalizzazione spontanea e guidata. Un percorso che è partito dal basso, dai cittadini e dalle associazioni locali che hanno voluto l’area protetta – in un contesto fortemente urbanizzato – dalle importanti presenze naturalistiche, derivanti dal processo di rinaturalizzazione spontanea dell’area.

Da qui l’importanza che l’area assume nell’ambito della costruzione della rete ecologica metropolitana, così importante per i nostri territori – conclude Onorati – Grazie quindi a tutti i cittadini e ai consiglieri regionali che si sono fatti promotori di questo importante risultato che la Giunta Zingaretti ha saputo trasformare in realtà, aggiungendo un nuovo importante traguardo per l‘arricchimento del sistema delle aree protette della Regione Lazio.

L’area vincolata è estesa complessivamente per 7,5 ettari, tra la Riserva Naturale Valle dell’Aniene e il Parco dell’Appia Antica, e vi sono state censite circa 300 specie botaniche, 11 comunità vegetali, 3 habitat prioritari per l’Unione Europea) e faunistiche (62 specie di uccelli fra i quali tre di interesse comunitario).

Lo dichiara in una nota l’Assessore Agricoltura, Promozione della filiera e della cultura del cibo, ambiente e risorse naturali della Regione Lazio, Enrica Onorati.

Il lago ex SNIA – Viscosa, o lago Ex SNIA o lago eXSnia, chiamato anche lago Sandro Pertini, è uno specchio d’acqua di Roma, alimentato dalle acque sorgive dell’antico fosso della Marranella. È ubicato nel V Municipio capitolino, nella periferia orientale della città. La sua genesi, del tutto accidentale, risale agli anni ’90 del Novecento e si deve a un errore umano avvenuto durante lavori di sbancamento in un cantiere per la costruzione di un parcheggio sotterraneo.

Lascia un commento