29 C
Roma
22 Agosto 2019
Image default
Ambiente

L’Asteroide 2019 OK ha sfiorato la Terra

E’ di qualche giorno fa la notizia che un grande asteroide ha sfiorato il nostro pianeta e gli astronomi ne sono rimasti sorpresi.

Le sue dimensioni spaziano da 57 a 130 metri di larghezza, la roccia spaziale denominata 2019 OK ci ha sfiorato il 25 luglio 2019 ed una distanza di circa 73.000 chilometri dalla Terra, almeno 5 volte più vicino della distanza tra la Terra e la Luna che è di circa 384.400 km.

Se l’asteroide si fosse effettivamente scontrato con la Terra, l’incidente avrebbe causato danni devastanti.
Un buon esempio di quello che accade quando un piccolo asteroide colpisce la Terra è il Barringer Crater (alias Meteor Crater) vicino Winslow, Arizona. Si è formato circa 50.000 anni fa, in seguito all’impatto di una meteorite ferrosa di circa 60 metri di diametro. Il cratere ha un diametro di circa 1.200 metri ed è profondo 200 metri. Fino ad oggi, sulla Terra sono stati identificati 120 crateri da impatto.

Gli astronomi in Brasile e negli Stati Uniti hanno scoperto separatamente il OK 2019 un paio di giorni prima, ma il suo passaggio a sorpresa è stato annunciato solo un paio d’ore prima che passasse. “La mancanza di avvertimento mostra quanto rapidamente gli asteroidi potenzialmente pericolosi possano intrufolarsi su di noi”, ha scritto Michael Brown della Monash University in Australia. E sebbene questo asteroide “non sia una minaccia per la Terra in questo momento”, possono esserlo altri asteroidi vicini alla Terra.

Ad esempio, nel 2013, una meteora si è avvicinata alla Terra ed è esplosa sopra la città russa di Chelyabinsk; quell’esplosione fu più forte di un’esplosione nucleare e l’onda d’urto risultante ferì più di 1.000 persone. La meteora di Chelyabinsk era molto più piccola rispetto al 2019 OK, essendo di circa 20 metri di diametro.

Sia la meteora di Chelyabinsk che l’OK del 2019 non sono stati avvistati anticipatamente dai dispositivi degli astronomi e sono arrivati a sorpresa.

Quando il OK 2019 si avvicinò al nostro pianeta, chiunque nelle vicinanze avrebbe potuto individuarlo con un binocolo e vederlo come un granello di luce che si spostava lentamente attraverso il cielo, ha scritto Brown, ma un paio di giorni prima, era 1.000 volte più debole ed era più difficile da individuare.
Inoltre, stava viaggiando molto velocemente lungo una strana orbita ellittica che lo spingeva oltre Marte (vicino alla cintura degli asteroidi) all’interno dell’orbita di Venere.

Questo evento è accaduto solo pochi giorni dopo che un asteroide delle dimensioni di un’auto ha colpito il nostro pianeta ed è escloso in una spettacolare palla di fuoco a duecento miglia a sud di Puerto Rico durante il fine settimana. Allo stesso modo, gli scienziati avevano anche scoperto quell’asteroide un paio d’ore prima che ci colpisse.

Gli astronomi di tutto il mondo continuano a lavorare per monitorare eventuali asteroidi che rappresentano un pericolo per noi.
Ad esempio, la NASA sta monitorando oltre il 90 percento degli asteroidi di almeno 1 km di grandeza e che orbitano vicino al nostro pianeta.

Secondo la NASA gli impatti degli asteroidi sono gli unici disastri naturali potenzialmente prevenibili, conoscendo in anticipo della loro esistenza avremmo il tempo di agire. Attualmente si stanno studiando vari modi per deviare gli asteroidi con il cosiddetto test di reindirizzamento a doppio asteroide progettato per lanciare tale tecnologia nel 2021.

“Con solo un giorno o settimana di preavviso, non ci sono alternative, ma con più preavviso più grande ci sarebbero diverse opzioni”, ha scritto Brown.
Piuttosto che la distruzione dell’asteroide, che potrebbe far sì che si rompa in più asteroidi distruttivi, la soluzione potrebbe essere “una leggera spinta” lontano dal nostro fragile pianeta.

Leave a Comment