3 C
Roma
16 dicembre 2018
Image default
Paesi da visitare

Accumoli

Situata all’altitudine di 855 m s.l.m. nell’Appennino umbro-marchigiano, Accumoli appartiene alla Comunità montana del Velino. Fino al 1927 era parte della provincia dell’Aquila in Abruzzo. Il comune di Accumoli è, insieme alla confinante Arquata del Tronto, l’unico in Italia a confinare con tre regioni (Abruzzo, Marche e Umbria) diverse da quella di appartenenza (Lazio).

Il comune ha origine nel XII secolo, quando il territorio nella valle del Tronto era sotto il dominio dei Normanni e in seguito del Regno di Napoli. Cascia minacciava l’estremo confine del Regno, così per rafforzarlo, i governatori locali decisero di riunire sotto un’unica città i tanti villaggi sparsi per la valle del Tronto. Dopo la dominazione degli Orsini, la città fu attaccata dalla Francia nel 1527.
Le origini del nome
Ci sono 3 ipotesi sull’origine del nome Accumoli potrebbe derivare dal latino cumulus, “cumulo”, a causa della grande costruzione di case (cumulo) da parte degli abitanti. La seconda è che potrebbe derivare dal latino ad-culum, ovvero “in cima”. L’ ultima ipotesi vuole che il nome derivi dall’aggregazione di tanti piccoli villaggi da parte dei Normanni.

Monumenti e luoghi d’interesse

Accumoli possiede molti palazzi, tutti allineati lungo via S.Tommasi e via della Rimembranza. Salendo per via S. Tommasi si trova

  • la Torre civica del XII secolo. Larga in pianta, quadrata e slanciata, resta come simbolo delle antiche libertà comunali. È unica nel suo genere in tutta la valle del Tronto.
  •  Palazzo del podestà. È un organismo orizzontale, a conci di arenaria squadrati e lisci, scandito al piano terra da due arcate, tipiche dei palazzi pubblici medioevali. Oggi è sede di uffici comunali.
  •  Palazzo del guasto del XV secolo. Qui tra il 1427 e il 1433 predicò S. Bernardino come si evince dal monogramma su una delle sue finestre.
  •  Palazzo Marini, grande struttura tardomanierista adattata al pendio della strada. Si caratterizza per un portale incorniciato da bugnato a punta di diamante e da colonne tortili con capitello ionico. D’ispirazione tardomanierista partenopea sono anche gli affreschi presenti nelle sale interne. Notevoli i soffitti a cassettoni e il monumentale camino.

Voci correlate:
[wp-blogroll catname=”Accumoli” notitle=1]

Prossimi Eventi


Nessun evento presente al momento


Leave a Comment