14.5 C
Roma
24 Maggio 2019
Image default
Luoghi da visitare

La Fontana del Vanvitelli

Fontana del Vanvitelli

Fu voluta da Traiano,ed inserita nella parte centrale del muraglione di Urbano VIII e si affaccia sul bacino portuale. Nel 1740 il Papa Benedetto XIV volle sostituire una vecchia vasca posta nella stessa area con quella attuale.

Realizzata nel 1743 ad opera dell’architetto Luigi Vanvitelli, edificata completamente in travertino, ha inserita in un’edicola con timpano curvilineo, la testa di un vecchio fauno.

Quando, nel 1630, fu ripristinata la franchigia del porto, si rese necessario separare il porto stesso dalla città.

Urbano VIII fece quindi costruire il muraglione, tutt’ora esistente che completava il sistema difensivo della città, rafforzando in tal modo la parte più debole che guardava verso il mare.

Il problema, che si presentava grave per la possibilità di sbarchi improvvisi di truppe nemiche, con l’ulteriore disagio di essere in una zona troppo distante dalla fortezza per far fronte con il fuoco delle sue batterie, era stato già esaminato da Paolo V.

Onde evitare questo pericolo, in fase anche posteriore alla costruzione del muraglione, si studiarono ulteriori accorgimenti tra cui quello per evitare attacchi notturni, di predisporre, alle due imboccature, un sistema di sbarramenti, ancorati ai fortini terminali dei moli fatto di reti, travi di legno e catene.

Il muraglione venne a ricoprire i resti di quegli antichi edifici che circondavano il porto traianeo.

Sono ancora visibili le murature originali ad “opus reticolatum”all’interno degli ambienti ricavati alla base del muraglione ( oggi adibiti a pescheria ) .

Nel 1740, sotto Benedetto XIV venne incaricato l’artista Luigi Vanvitelli di adornare il muraglione nella parte centrale, con il fontanone in travertino. Completava il tutto un’armonica gradinata curvilinea che scendeva fino a lambire le acque portuali.

Oggi la gradinata è imprigionata nella calata “Principe Tommaso” dimenticando la funzione e il carattere di ritrovo cittadino, che rendeva all’epoca, il porto uno dei fulcri della vita della città.

La fontana si trova in Calata della Rocca, Civitavecchia